Torta alle Mele di Mamma

L’autunno inizia il 23 settembre e termina il 21 dicembre anche se ancora il caldo si fà sentire in questi giorni di metà settembre.

In campagna godiamo degli ultimi fiori che con il tiepido sole hanno un colore sfumato.

I contadini approfittano di queste giornate per arare il terreno morbido, ogni tanto bagnato dalla pioggia, e seminarlo con vari tipi di semi.

Nel bosco alcuni animali, come le rondini, emigrano nei paesi più caldi e altri vanno in letargo con le molte provviste raccolte in estate.

Le calme acque azzurre del mare non sono più calde come in estate, ma incominciano a diventare fredde e ad agitarsi.

Le foglie, cadono secche per terra, con intense sfumature gialle, verdi, rosse e marroni, quando il vento soffia si sente il loro fruscio.

Molti poeti parlano dell’autunno pieno di tristezza, di rancore, di nostalgia e di speranza.

I frutti tipici di questa stagione sono le castagne, le melograne, le mele, l’uva e tanti altri; tutti essi rendono l’autunno ricco di colori, di sfumature e di allegria.

In città cambiano aspetto le persone  con vestiti più pesanti, scarpe cappelli, cappoti sciarpe e guanti, e i cibi caldi come il brodo, il minestrone le zuppe, poi un dolce tipico che apre proprio la stagione la torta di mele 🙂

12042817_1241427902549494_8025019634236334517_n[1]

Come reparare la torta di mele? 😉

Vi scrivo la ricettina che ho avuto dalla mia mamma che di gli è stata insegnata dalla nonna e così via 🙂

Iniziamo con gli ingredienti:

100gr di burro

150gr di zucchero

la buccia grattuiata e il succo di un limone bio

3 uova

1 vasetto di yogurt bianco

300gr di farina

1 bustina di lievito

3 mele melinda gialle

un chiodo di garofano

un pizzico di cannella

2 cucchiai di miele

un bicchiere di latte

zucchero a velo per decorare

Iniziamo tagliando le mele a fette e le mettiamo in una ciotola con il miele, il latte e il chiodo di garofano e la cannella (a piacere possiamo aggiungere uva passa o mezzo biccherino di limoncello per un gusto più intenso) li lasciamo ad insaporire per una mezz’oretta 🙂

Intanto procediamo preparando la torta.

Iniziamo amalgamando il burro con lo zucchero, dividiamo gli albumi dai tuorli, ci versiamo dentro i tuorli e gli albumi li montiamo a neve bene ferma.

Aggiungiamo il limone grattugiato e anche il succo, uniamo il yogurt e amalgamiamo bene. Per ultimo mettiamo la farina setacciata con il lievito, alterniamo questo passaggio amalgamando piano piano anche gli albumi 🙂

Ritorniamo dalle nostre mele che ormai si saranno insaporite, versiamo il liquido nel nostro impasto, e mescoliamo.

Imburriamo e infariniamo una teglia, e versiamo l’impasto ,sopra disponiamo le nostre mele a raggera tutte sopra l’impasto inforniamo per 50′ a 180°

fb_img_1520789159250

 

Quando si sarà raffreddata, spolverizziamo un paio di cucchiai di zucchero a velo la nostra torta è pronta 🙂

img_20180919_091126_4675409066922903259136.jpg

Si può servire tiepida con una pallina di gelato alla vaniglia per i più golosi 😉

Buon Dolcino a tutti 🙂

 

 

Annunci

I sapori e la gente calda del Sud

Che la mia estate abbia inizio 🙂

Un nodo in gola quando parto per andare verso quei ricordi da bambina che mi porto sulle spalle, come uno zaino pieno, perchè lascio una parte del mio cuore qui, una parte che giorno dopo giorno entra sempre di più a far parte della mia vita.

Ma avanti si comincia, si parte verso la mia bellissima terra.

Quella terra baciata dal sole, il sole che colora tutto d’oro, il mare di un azzurro da confondersi solo con il cielo che all’orizzonte si incontrano e li non sai più dove finisce il mare e inizia il cielo o viceversa.

La mia prima tappa

BELLUNO SALERNO:

Come sentirsi a casa con delle persone che da semplici sconosciuti ti trattano come se fossi stato lì da sempre.

In giro per il litorale, la costiera il golfo tutto sà di mare di sole di caldo di gioia…

Gli sguardi incuriositi dei bambini le mani che si stringono in una stretta, forte e fiera perchè è così che bisogna stringerla una mano!!!!

 

 

 

La mia seconda tappa

SALERNO LAMEZIA:

Eccoci, quando attraversiamo quel ponte infinito , la curva e ti ritrovi quello specchio d’acqua blu davanti agli occhi, quel blu che nei ricordi non era così bello e li davanti a me, ancora un oretta penso e sono a casa 🙂

Arrivo sulla strada che mi porta a casa, la mia mamma è lì sul terrazzo ad aspettarci, vede la macchina arrivare e corre giù mi stringe forte “si mamma sono arrivata” gli dico, mio padre che mi guarda io sò bene cosa pensa, non ha mai accettato l’idea che io me ne sia andata a stare così tanto lontano da loro, credo questa cosa non me la perdonerà mai…

Sono felice di vederli di essere arrivata a casa dopo un anno e in quel momento mi rendo conto di quanto fosse stato lungo!!!

Ci sistemiamo, parliamo e intanto il tempo passa, e l’ora di pranzo si è avvicinata, la tavola imbandita di tante cose buone da non sapere cosa assagiare per prima 😀

I profumi i sapori quanto mi sono mancate quelle cose…

I giorni passano veloci, troppo veloci, tra la confusione di amici e parenti dò sempre un occhiata al telefono c’è un pensiero che mi attraversa la mente, lo allontano voglio tenere la testa leggera non voglio rattristarmi per questo avrò modo e tempo penso…

Arriva il giorno della festa del patrono, il paese è invaso da mille lucine, bancherelle e molte persone arrivate dai paesi vicini per festeggiare questo giorno.

 

Gli amici ritrovati, mi rendo conto che non sono cambiati sono sempre loro con qualche battuta in più, sono felice di sapere che stanno tutti bene 🙂

Alzo gli occhi al cielo e penso a te Salvi, sò che anche tu stai bene lassù, non sò se sei contento di me, io sono ancora tanto arrabbiata con te, hai scelto di andartene senza neanche salutarmi, faccio un respiro profondo e riprendo la mia passeggiata in mezzo alla gente, tra poco iniziano i fuochi d’artificio sarà meglio avviarsi 🙂

 

Anche se il tempo quest’anno non è stato dei migliori sono riuscita a fare un tuffo. L’acqua trasparente e io lì a guardare il mare, mi sento come un fiocco di neve che si scioglie al contatto con l’acqua e VIA TUFFO A BOMBAAAAA 🙂 🙂

 

Dieci giorni sono volati davvero  in fretta ed è ora di tornare verso casa, un giro di corsa a fare gli ultimi saluti preparare le ultime cose, un abbraccio ai miei genitori con la promessa di mangiare un pò di più e essere più serena… Monto in macchina e mi preparo ad affrontare questi 1240km Lamezia Belluno A1

Ciao Calabria al prossimo anno 🙂

 

 

Focaccia al pesto

L’altro giorno ho provato a fare questa ricettina facile facile visto la quantità di basilico che mi ha regalato la mia piantina ho rifatto il pesto, non sapendo come abbinarlo e per non fare la solita pasta l’ho messo nella focaccia.

Per fare la ricetta ci serviranno 2 patate di grandezza media che faremo lessare o cuoceremo al vapore, 1 stracchino, 2 rotoli di pasta per focaccia che trova nei supermercati nel banco frigho a prezzi bassi (io ho usato la pasta sfoglia, perchè avevo quella nel frigho da smaltire 😀 risultato comunque ottimo).

Del pesto, aggiungo il link se anche voi volete provare a farlo 🙂  PESTO CLICCA QUI

Dopo aver lessato le patate le tagliamo a fette, le poniamo sulla sfoglia che avremo messo sulla teglia con la sua carta da forno bucherelliamo con la forchetta, sopra ci mettiamo lo straccino tagliato e qualche cucchiaiata di pesto, richiudiamo con l’altra sfoglia e mettiamo in forno a cuocere a 180° per 15′.

Possiamo servirla come antipasto, oppure come stuzzichino con l’aperitivo quando arrivano gli amici 🙂

Arancini

img-20180101-wa0035

Arancine? Arancini? Braciole di riso 😉

Quanti nomi hanno, ma chi non le conosce? Le avete mai assaggiate?

Sono un pò laboriose ma l’ alternativa è farsi una vacanza al sud d’italia per poterle gustare al meglio 🙂

Le mie arancine una tradizione 🙂

Ingredienti:
Riso
3 litri acqua
1 kg riso ribe..
20 GR dado
15 GR sale
50 GR burro
Pepe
tuorlo d’uovo, 2 cucchiai di formaggio grattuggiato

Mettiamo sul fornello una pentola con i 3l d’acqua il sale e il dado portiamo a bollore, quando bolle ci versiamo dentro il riso. Facciamo lessare il riso per 9′, lo scoliamo e lo lavoriamo caldo, aggiungiamo il burro, il formaggio, pepe e mescoliamo bene. Lasciamo intiepidire,  quando sarà freddo aggiungiamo il tuorlo d’uovo amalgamiamo il tutto.

Procediamo a creare le palline, di seguito vi scrivo due ripieni per riempire gli arancini, a voi scegliere il vostro preferito 🙂

Per il condimento arancine al burro
200 GR di prosciutto
200 GR mozzarella
600 GR besciamella pronta
Besciamella
200 GR farina 00
20 GR sale
1 litro latte intero
50 GR burro, noce moscata

Fate la besciamella abbastanza corposa, aggiungete quando è fredda il prosciutto e la mozzarella tagliati e mescolate il composto in modo che si incorpori tutto per bene.

Per il tritato di carne (senza sugo)
500 GR di tritato bovino
300 GR acqua
100 GR carote
100 GR sedano
100 GR cipolla
10 GR sale
100 GR piselli
Pepe

Fate rosolare con olio d’oliva cipolla, carote, sedano poi aggiungiamo il tritato.
Infine l’ acqua e tutti ingredienti rimasti..
Fate stringere e poi mettete 150 gr di pangrattato per asciugarlo e spegnete…

Naturalmente i condimenti si preparano il giorno prima 😉

Piccolo segreto prima di friggere:
Fate una pastella acqua e farina 00 deve venire una salsina lenta, mettete dentro le arancine e poi passatele nel pangrattato… ora procediamo a friggerle.

Spero vi sia piaciuta la mia ricettina fatemi saper cosa ne pensate ciaoo

Torta fredda Oreo

20150227_200101.jpg

Oggi vi propongo una torta fresca per questi giorni caldi e afosi, facile da preparare veloce perchè non servono tantissimi ingredienti e la maggior parte del lavoro la fà il frullatore 🙂

Vediamo cosa ci occorre:

270gr di biscotti oreo, che metteremo in un frullino e li frulleremo finchè non hanno raggiunto la consistenza che più ci piace. Riguardo a questa fase ci sono delle varianti, c’è chi toglie il ripieno degli oreo e li frulla per poi unire del burro, ma secondo me con il suo ripieno il biscotto è buonissimo è l’umidità del ripieno rende la consistenza perfetta. Questa sarà la base per la nostra torta, che metteremo su uno stampo a cerniera rivestito con carta forno e lasceremo riposare in frigho per circa mezz’ora 🙂

Nel frattempo dedichiamoci al ripieno: 250gr di mascarpone, 200ml di panna, che monteremo bene e uniremo al mascarpone un pò lavorato. Aggiungiamo 70gr di zucchero a velo e 1 bustina di vanillina il ripieno è pronto 🙂

(Possiamo aggiungere mezza tazzina di caffè a piacere se ci piace ma è facoltativa)

A questo punto possiamo prendere la base per la torta e metterci il nostro ripieno, a piacere si può decorare con dei biscotti sbriciolati, o semplicemente con del cacao.

Io la mia l’ho fatta doppio strato, raddoppiando le dosi 😉

La riponiamo in frigho per un paio d’ore o tutta la notte, al momento di servirla apriamo il nostro stampo a cerniera togliamo la carta forno dai bordi e la nostra torta sarà perfetta e pronta per essere da tagliata.

Buon dolcino fresco a tutti 😉

Caprese

img_20180619_1132421153567109.jpg

La caprese piatto estivo, fresco, facile e veloce 🙂

Pochi ingredienti per riscoprire una ricetta deliziosa che arriva dalla tradizione del sud Italia e ha attraversato tutto il mondo 🙂

Cosa ci occorre per fare la nostra caprese: dei pomodori che in questo periodo sono buoni rossi rossi e di vari tipi, io nella foto ho uasato il cuore di bue ma la tradizione vuole il pomodoro ramato, mozzarella di bufala, olio, sale , pepe, basilico.

Iniziamo mettendo in una ciotolina l’olio con il sale e pepe e del basilico spezzettato con le mani mescoliamo bene con la forchetta.

Laviamo e tagliamo a fette i pomodori e la mozzarella, passiamo le fette di pomodoro ad insaporirsi nell’olio, e li disponiamo nel piatto alternando pomodoro, mozzarella e basilico procediamo così finchè non abbiamo finito gli ingredienti 🙂

Decoriamo con un ciuffetto di basilico e un filo d’olio, il nostro piatto è pronto, possiamo servirlo per contorno o come antipasto per iniziare al meglio il nostro pasto 🙂

Buon Appetito 🙂